METODO ZANGIROLAMI VISTO DAI VERI PROTAGONISTI: I PAZIENTI

METODO ZANGIROLAMI VISTO DAI VERI PROTAGONISTI: I PAZIENTI

 

Marina Ballarini ha sempre avuto un rapporto "difficile'' con il suo peso, cuoca di professione il fatto di passare va­rie ore della giornata davanti a forni e fornelli non l'ha certo aiutata nel mantenere sotto controllo la forma fisica.

"Ogni tanto mi sono messa con impegno a seguire una dieta e ho rinunciato per un periodo ai carboidrati, ma dopo aver perso qualche chilo li riprendevo in breve tem­po. Alle volte si prendono per buone informazioni che però non vanno bene per tutti''.

Nonostante i fallimen­ti Marina non ha mai abbandonato il sogno di tornare in piena forma e così legge e si informa su quale sia il miglior metodo per dimagrire.
Due o tre anni fa acqui­sta il libro del dottor Zangirolami dove si descrivono i problemi legati al sovrappeso e si spiega i concetti del suo Metodo.

"La vera svolta c'è stata però la scorsa estate a una cena dei coscritti, in cui ho stentato a riconosce­re una mia amica che era sempre stata in sovrappeso. Chiacchierando ho scoperto che aveva seguito il Metodo Zangirolami che già conoscevo per via del libro. Lei era la testimone che funzionava davvero e quindi mi sono de­cisa e ho preso un appuntamento. Ad agosto sono andata quindi per la prima volta al Centro Zangirolami di Trento dove la dottoressa Abate mi ha spiegato tutto, poi ho fatto gli esami del sangue da dove tra l'altro veniva confermato un ipertiroidismo che già curavo.

A causa di questo problema alla tiroide il mio metabolismo si è sicuramente rallentato inoltre alla mia età - 48 anni - il rischio di accumulare ulteriormente peso è molto forte. Dopo il colloquio con lo staff del Metodo Zangirolami alla fine di settembre ho iniziato il mio percorso di dimagrimento''.

E come è stata la sua esperienza fino ad ora?

"Sono soddisfattissima, mangio tanto e non faccio nessuna fatica. In circa 5 mesi sono dimagrita 11 kg e vado avanti finché non raggiungerò il mio peso forma. Sono molto fidu­ciosa anche per il "dopo" perché in pratica ho solo modificato alcune cose della mia alimentazione e nella mia quotidianità, perciò non faccio fatica e non la farò neanche dopo nel man­tenimento. La pasta ad esempio adesso la mangio senza sensi di colpa e anche la pizza ogni tanto, poi c'è comunque la pos­sibilità di fare uno strappo ogni tanto. Durante le feste di Na­tale ad esempio, la dottoressa mi ha detto di non rinunciare a quello che mi faceva voglia, stando attenta però di recuperare il giorno dopò'. 

Ci ha raccontato però che ha portato alcuni cambiamenti nella sua vita quotidiana. Quali sono?

"Mi sono presa l'impegno di fare tutti i giorni gli esercizi di ginnastica che mi ha prescritto il dottor Zangirolami. Quando finisco il mio turno dopo pranzo vado al Centro di di­magrimento, che è proprio di fronte al mio posto di lavoro dove c'è la palestra, ma non è niente di complicato si può fare anche a casa senza problemi.
Io vado qui per comodità, inoltre faccio anche 15 minuti di cyclette la mattina appena mi alzo.
Un po' di attività fisica va sempre bene, a me piace cammi­nare in montagna ma in inverno il pomeriggio è difficile so­prattutto se c'è neve come qui sull'altopiano della Vigolana dove abito io, perciò vado un po' in palestra, più avanti posso anche ricominciare con le passeggiate''.

Quindi un'esperienza molto positiva la sua?

''Assolutamente, lo consiglio a chiunque abbia problemi di peso. Il Metodo è facile da seguire, non comporta sacrifici o rinunce particolari e i risultati ci sono''.